Comunicati Stampa Ultim'ora

Analisi bancari Cisl ER: “Le grandi banche abbandonano il territorio, le BCC incrementano la loro presenza e diventano un valore aggiunto per le nostre comunità”

Sabrina Nanni (First Cisl ER):“Nell’ultimo ventennio il credito cooperativo ha quasi raddoppiato la propria presenza in Emilia Romagna, testimoniando un legame con il territorio che le banche ABI hanno sconfessato”

Sabrina Nanni

(Bologna, 22 aprile 2021) “Le banche ABI, specie quelle di grandi dimensioni, stanno progressivamente abbandonando il territorio emiliano-romagnolo, in particolare le zone montane e svantaggiate. Scelte frutto di politiche bancarie sbagliate che hanno sovente adottato la via facile del taglio dei costi, penalizzando i lavoratori con trasferimenti o prepensionamenti ‘forzosi’, anziché la vicinanza al tessuto economico e sociale locale. Un atteggiamento cinico e grave, ancor più in un drammatico momento come questo generato dalla pandemia. Una politica diametralmente opposta a quella delle banche di credito cooperativo che nell’ultimo ventennio, nonostante i lunghi anni di crisi economica, hanno quasi raddoppiato gli sportelli in regione (dai 269 del 2000 ai 402 del 2020) dimostrando nei fatti azioni di grande sostegno alle nostre comunità, specie a quelle più svantaggiate. Un contatto diretto con il territorio merito certamente anche dell’obbligo statutario ad investire esclusivamente nel territorio di competenza”.

E’ questo il commento e, in buona sostanza, la posizione che terrà la segretaria generale di First Cisl Emilia-Romagna, Sabrina Nanni, questo pomeriggio nel corso del convegno regionale “Il credito cooperativo tra Europa e coesione – Incontro in Emilia-Romagna”, organizzato dai bancari della Cisl in modalità webinar. Un appuntamento che vedrà il sindacato confrontarsi con alcuni direttori generali di importanti banche di credito cooperativo della regione (https://us02web.zoom.us/webinar/register/WN_8qztS0k2T4-5XXzBlwkfDg).

 Comunicato integrale_BCC_analisi bancari Cisl

 Locandina First Cisl Emilia-Romagna 22 aprile 2021

Sull'Autore

Ufficio Stampa